Rabbini Italiani

25 Adar 5777

Zevadyà

Rabbì Zevadyà da Venosa, probabilmente originario di Oria e coevo del più famoso Rabbì Amittày ben Shefatyà (866 ca.), era anch’egli un Paytàn del decimo secolo.

Sono note otto sue composizioni, dalle quali è individuabile il suo nome (tramite acronimo), ma non quello di suo padre. Il suo linguaggio è semplice e chiaro. La sua composizione più nota è la Selichà della vigilia di Ro’sh Ha-Shanà (accolta nell’uso tedesco) “Adòn Din im Yeduqdàq”.

«

»