Rabbini Italiani

3 Iyar 5777

Yehudà bar Itzhak Abravanel

Rabbì Yehudà bar Itzhak Abravanel, nasce a Lisbona tra il 1460-70.

Conosciuto anche con il nome Leon ebreo, è il figlio primogenito del celebre Rabbino e diplomatico Rabbì Itzhàk.

Medico e filosofo insigne, espresse in nobili versi sentimenti di accorato dolore. Ci è particolarmente noto il poemetto “Telunà al ha-zeman” (la lamentela del tempo), nel quale narra minuziosamente le avversità incontrate, dal giorno dell’abbandono della Spagna, del vagare di città in città, le disgrazie familiari, nonché la più grande delle sue sventure: il rapimento del figlio primogenito, Isacco.

Non ci è noto l’anno della morte di Rabbì Yehudà, che avvenne quasi sicuramente nel 1535, perché quando vide la luce la prima edizione in lingua italiana dell’opera filosofica, “I DIALOGHI D’AMORE”, egli non era più in vita.

(bibliografia N. Pavoncello – Letteratura Ebraica in Italia 1963)

«

»