Rabbini Italiani

28 Iyar 5777

Pinchas Hay Anau (Anav)

Rabbì Pinchas Hay Anau (Anav), – פנחס חי ענו figlio di Menahem. Fu il padre di Yehudà Matzliah.

Nasce nel 1693, sembra abbia scritto un responsa in ebraico, all’età di soli sette anni.

Ha studiato con Itzhak Lampronti . Ottenne il titolo di Chaver nel 1712 dal rappresentante di Gerusalemme, Avraham Yitzhaqi, autore di responsabilità che hanno il titolo di זרע אברהם (Zerà Avrahàm), lo stesso titolo gli fu ufficialmente assegnato dalla comunità Ferrara l’anno successivo nel 1713.

Nel 1727 consegui la “Semichà” il Titolo di Rabbino (il documento rabbinico è pubblicato nella Encyclopaedia Judaica ed è conservato presso la collezione di C. Roth).

Divenne avvocato per far fronte a una situazione economica precaria, fino a quando non fu assunto nella gestione della Comunità .

Alla morte di suo cugino Yaqòv Olmo, Rabbì Pinhas  prende la direzione della scuola talmudica Ferrara che ha diretto fino alla morte avvenuta nel 1768 (o 1769).

Tra le opere che ci ha lasciato:

1 ) גבעת פנחס (Givat Pinhas) una raccolta di responsa in otto volumi nella collezione Almansi, scritti tra il 1713 e il 1768, in ebraico e in in italiano . Tutti questi manoscritti, che comprendono anche le consultazioni altri Rabbini contemporanei sono ora a Londra presso la collezione Valmadonna e la British Library.

Degli Ultimi un manoscritto è stato copiato a Smirne tra il 1760 e il 1766 da Chaim Abulafia, questo è conservato a New York presso il JTS.

תוספות בכורי קציר ( 2 (Tosefet Bikurei Qatzir), Venezia , 1715 è questo un responsa a favore dell’uso degli Ashkenazi nella preghiera del penultimo, contro il parere di Neemia Coen che si era lamentato di questo con Mordechai Zahalon che non riconosceva l’autorità di Rabbì Itzhàk Lampronti. Rabbì Immanuel Ricchi esprime un parere contrario nel suo בכורות מכת (Makat Bekhorot).

3) Un responsa pubblicato nel פחד יצחק (Pahad Yitzhak) di Rabbì Itzhàk Lampronti.

 4) Un responsa pubblicato nello  צדקה שמש (Shemesh Tzedaqah)di Rabb’ Shimshòn Morpurgo.

 5) Un responsa del 1745 ancora manoscritto conservato presso HUC di Cincinnati.

 6) Un responsa del 1754 conservato negli archivi della Comunità Ebraica di Ferrara.

6) Un responsa contro Rabbì Immanuel Chay Ricchi ancora manoscritto conservato in Ginzburg.

8) Un responsa autografo del 1744 conservato presso l’HUC di Cincinnati.

9) Un responsa conservato presso BNS.

 10) Un responsa manoscritto conservato presso il Machòn Ben Zvi di Gerusalemme.

11) Una haskamah del 1768 ad un responso di Avtalion Lampronti conservato presso Kaufmann.

(A. Salah in La République des Letteres 2007 ed. Leiden- Boston)

«

»