Rabbini Italiani

7 Tevet 5779

Scintille

Versare luce

In certi momenti uno sguardo può versare grande luce in un’anima. Sappi però che il timore dell’uomo alza delle pareti di fronte a quella luce.

(Il Baal Shem Tov)

Si cambia agendo

Le persone non cambiano con le discussioni nè con  la filosofia ma con l’azione. Introduci nella  tua vita una nuova abitudine e vedrai che la tua prospettiva sul mondo cambierà. Prima fà, poi studia in merito a ciò che stai già facendo.

(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

Il Rav, lo shammash e la chanukijà

Il Rav può esere paragonato allo shamash che è nella chanukijà. Così come lo shamash ha una posizione diversa dagli altri lumi, spesso più alta, si sposta e scende per accendere gli altri lumi. Così il Rav che ha una posizione particolare all’interno del popolo d’Israele deve scendere per accendere le anime dei suoi fratelli.

(Rav David E. Sciunnach)

Chi dà e chi riceve

La visione che noi abbiamo del mondo e quella che ha il suo Creatore sono molto diverse. Dal nostro punto di vista c’è sempre chi dà e chi riceve. Che si tratti di merci, di conoscenza, di affetto o di soldi, uno si pone sempre in posizione superiore rispetto all’altro. Dal punto di vista di Dio, chi dà e chi riceve sono tutt’uno. Chi dà veramente riceve e chi riceve, in verità, da. Senza l’opportunità di dare, infatti, il donatore rimarrebbe inesorabilmente imprigionato dentro se stesso.

(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

Interesse di Dio

Avendo compiuto qualcosa di buono ieri o la settimana scorsa o addirittura qualche anno fa, alcuni sono convinti di aver fatto la loro parte e di meritare la ricompensa divina per il resto della vita. È come se avessero prestato soldi a qualcuno e l’anno dopo stessero ancora godendo degli interessi. Il problema e’ che la Tora’ vieta il prestito a interesse, anche a Dio. Se hai fatto del bene ieri, oggi raddoppialo.
(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

Svegliati e sorridi

I Maestri ci insegnano che bisognerebbe svegliarsi prima dell’alba così da accogliere il nuovo giorno nel momento in cui sorge il sole, ed essere noi a svegliare la natura e non la natura a svegliare noi. Allora quando ti svegli sorridi, affinché la vita ti sorrida.

(Rav David E. Sciunnach)

Preziosi atti di bellezza

Non sottovalutare il potere di un atto puro e semplice fatto con il cuore. Il mondo non è mutato da coloro che muovono le montagne, né da coloro che guidano rivoluzioni, né da coloro che con il portafoglio lo tengono per le redini. I dittatori vengono deposti, l’oppressione viene annullata, intere nazioni sono trasformate da pochi, preziosi atti di bellezza compiuti da anonimi soldati. In effetti Maimonide scrisse nel suo codice di leggi: “Ognuno deve vedere il mondo come se fosse mantenuto in equilibrio da lui e ogni suo atto potesse far pendere la bilancia da una parte o dall’altra”.

(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

L’ascesa

Nell’ascesa finale, lo scalatore si aggrappa a ogni fessura e crepa per spingersi più in alto. Noi ci troviamo nella stessa situazione. Ogni scintilla di luce deve essere afferrata e spremuta fino fondo.

(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

Anime splendenti

Le nostre anime non sono tanto brutte da aver bisogno di essere riparate, nè tanto carenti da aver bisogno di aggiunte. Tutto ciò che chiedono è che le si scopra e si permette loro di splendere.

(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

Le conseguenze della parola

La parola è molto potente. Parlando male di qualcuno svelerai la bruttezza in lui, in te stesso e in chiunque ti presta attenzione. Una volta inferta, la ferita comincia a ulcerarsi e tutti ne vengono infettati. Parla bene della stessa persona e bene che si cela in che in lei, in te e in chiunque ti ascolta ti inizierà a risplendere.

(Il Rebbe Menachem  Mendel Schneerson)

Amore gratuito

Chi è pieno di se riempie tutto lo spazio che lo circonda e non lascia posto nessun altro. Disprezza gli altri lo spazio che occupano. Prova a giustificarsi con mille scuse, ma le scuse sono secondarie. Il sentimento che prova si chiama odio gratuito ed è la ragione per cui siamo stati esiliati. È il nocciolo di tutti i mali, ed è controbilanciato e curato soltanto da atti gratuiti di amore e gentilezza.
(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

La seconda fase

La prima parte della vita viene impiegata per imparare ad avere padronanza di sé. Poi avviene un cambiamento profondo e difficile, con il matrimonio e la responsabilità di una famiglia. In seguito bisogna imparare a mettersi da parte per il bene dei propri cari.
(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

La vita futura

La vita futura è una conseguenza molto razionale e naturale dell’ordine delle cose. Dopo tutto, nulla va perduto. Semplicemente il corpo si trasforma in terra, ma nulla va perduto. Anche il tuo essere non va perduto, ritorna soltanto alla sua fonte. Se la tua anima si attacca al mondo materiale durante la sua permanenza su questa terra, il viaggio di ritorno sarà uno strappo doloroso, ma se è solo di passaggio e in costante relazione con la sua fonte, il ritorno sarà celestiale.

(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

La verità ultima

Nessun essere umano potrà dichiarare di aver raggiunto la verità ultima fin quando ci sarà qualcuno che non l’ha ancora raggiunta. Nessuno viene redento finché non siamo stati credenti tutti. La verità fondamentale è una luce illimitata, e se è illimitata potrebbe spendere nella realtà di una persona e non di un’altra?

(Il Rebbe Menachem Mendel  Schneerson)

Semplicità

Sii sempre sincero, e infondi in tutto ciò che fai questa semplicità. Essa è  un recipiente della semplice unità di Dio.

(Il Baal Shem Tov)

Pace interiore

Il mondo è un luogo di continui  cambiamenti e tumulti. Ogni attimo è distinto da quello che lo ha preceduto e da quello che lo seguirà. Ogni punto dello spazio è per se stesso un mondo, con le sue condizioni e il proprio modo di essere. E’ un universo di frammenti che si muovono costantemente  in un traffico caotico. Osserva la tua vita, fai tante cose diverse, una dopo l’altra, senza apparente  collegamento tra loro. La pace interiore si raggiunge quando anche li più  piccole sfaccettature di te e della tua giornata si muoveranno nella stessa direzione. Avendo uno scopo, avrai la pace interiore.

(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

Una verità superiore

Vi sono molte verità. Esiste una verità per ogni essere umano e per ogni particella dell’universo, perché ognuno riflette il Creatore in un modo diverso. Cercare la verità vuol dire di più che trovare la propria verità. Significa trovare una verità che funziona per te e per lalto, per adesso e per sempre, in questo luogo e ovunque, per il corpo e per la mente, per il saggio e per il bimbo piccolo e innocente. Più alta è la verità, meno confini conosce.
(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

Dieta dell’ego

Fare del bene non vuol dire essere gentili.
Si possono fare buoni azioni verso molte persone per tutta la giornata, ma il bilancio non andrà oltre il servizio di se’, nutrimento per il proprio ego.
Il mondo è stato progettato affinché le persone abbiano bisogno le une delle altre; non per essere cortesi, ma per scavalcare le barriere del proprio io. Quando si aiutano coloro che ci sono grati, quando ci si dà da fare per chi sta dalla nostra parte si è ancora intrappolati nelle grinfie dell’ego.
Aiuta qualcuno che non vuoi aiutare. Aiutalo e impara a voler fare, solo perché è la cosa giusta. All’inizio può non sembrare così gratificante, ma così si diventa … liberi!
(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

La strada

Essere umili non vuol dire essere lo zerbino degli altri. In realtà, è proprio l’posto: sentirsi nulla è la via d’accesso a poteri infiniti.
(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)

Prigionieri

Siamo tutti prigionieri, ma siamo seduti sulle chiavi della nostra libertà. La limitatezza della nostra cella, l’universo la nostra prigione. L’essere e’ il nostro secondino e le chiavi sono tenute strettamente nei pugni del nostro ego.
(Il Rebbe Menachem Mendel Schneerson)